sabato 8 marzo 2008

Facciamoci un croissant

















E' o non è la festa della donna ? E allora questa donna si fa dono di un croissant, di quelli speciali , di quelli di una volta e che ora non si trovano più nemmeno a fare il giro d'Italia a piedi.
Eppure non è difficile , basta un po' di pazienza e tanta tanta voglia di mangiarne uno ...o forse due...
Si comincia col fare la pasta : mettiamo nell'impastatrice 250 g di farina manitoba, 5 g di sale fino, 35 g di zucchero semolato, 125 g di acqua tiepida in cui abbiamo fatto sciogliere 10 g di lievito di birra. Mescoliamo bene, impastiamo almeno 10 minuti .
Facciamo una palla con la pasta e tagliamo sopra un disegno a croce. Copriamo la ciotola e facciamo lievitare ( raddoppiare) a temperatura ambiente ( 20 ° circa) .
Apriamo la pasta , stendiamola con le mani allungando le 4 punte della croce e sistemiamo 125 g di burro morbido al centro ( che deve rimanere un po' più spesso delle code) . Racchiudiamo il burro ricoprendolo con le 4 punte. Stendiamo la pasta delicatamente per non far uscire il burro fino a formare un rettangolo ( 3x1) alto 1 cm, pieghiamo il rettangolo in tre e dopo averlo chiuso in un sacchetto lo facciamo riposare in frigo per 30 minuti. A questo punto giriamo il rettangolo di 90° e stendiamo ancora, ripieghiamo di nuovo in tre e via in frigo per 30 minuti. Ancora un giro così e la pasta è pronta.
Stendiamo ad 1 cm di altezza e tagliamo una striscia regolare alta 15 cm in cui ritaglieremo dei triangoli isosceli. Arrotoliamo un triangolo partendo dalla base e curviamolo leggermente per dargli la forma di croissant ( la punta del triangolo deve trovarsi sotto ).Se si vuole farcire il croissant con miele o marmellata è questo il momento di inserirla: ne mettiamo una punta alla base del triangolo e poi arrotoliamo( non troppa sennò poi in cottura fuoriesce). Terminata l'operazione arrotolamento , facciamo lievitare i croissants fino a che non sono raddoppiati di volume .
Battiamo in una ciotolina un po' di latte tiepido e un tuorlo d'uovo e con l'aiuto di un pennello doriamo delicatamente i croissants, prima di infornarli a 200° per circa 20 minuti.
Per fare una cosa fatta bene, a questo punto serve una buona crema pasticcera ( io l'ho fatta aggiungendo del mycryo...slurp),
un coltello affilato , si taglia il croissant per la lunghezza, si farcisce ben bene e poi ..... Fine.

12 commenti:

rosatea ha detto...

Sono favolosi, se domattina ho ancora un raptus come ora, li faccio senz'altro.
Brava Dianella

Bosina ha detto...

Io il raptus ce l'ho proprio adesso... Dianella non resisto proprio! Ho già il Ken sul tavolo. Io uso il lievito liofilizzato: andrà bene un cucchiaino? Buona domenica da una Varese bigia bigia (sto facendo il brasato con la polenta!)
Laura

Bosina ha detto...

Tra l'altro, Dianella, leggo che il burro che si usa è davvero poco! Tu dirai: la solita salutista... Nein! Volevo dire che così quello in frigo mi basta anche per la crostata del pranzo di domenica! :-) Un bacione

dixe ha detto...

Bene, tutte al lavoro !
Non so se avete notato la differenza tra i croissants (francesi) e i cornetti (italiani) : nella pasta per i primi non ci sono uova né aromi vari mentre in quella dei cornetti ci sono le uova, buccia di arancia ecc.
Ad ognuno il suo personale giudizio sulle due preparazioni. Intanto lavorate!

Bosina ha detto...

S' Dianella, infatti te lo stavo chiedendo su cucinait perchè mi vergognavo a scrivere tre commenti di fila... sarei sembrata un po' tardona (in effetti... mi accorgo delle cose ad onza ad onza, come dice mia madre che è bergamasca!). Bene, vuol dire che saranno più leggeri! Adesso mi sta crescendo il lievitino!
E' un impasto duretto, giusto?
Mi dà l'idea di essere ottimo anche farcito salato.
Sto giusto cercando delle ricette per il buffet di compleanno di Enrico!

dixe ha detto...

Giusto Bosina, l'impasto è un po' duretto prima della cottura, ma dopo è friabilissimo che ti si scioglie in bocca.
A proposito di croissants e cornetti c'è tutta una querelle dietro, che a me non interessa ( del tipo: sono meglio questi. No quelli ) . A me piacciono entrambi e li faccio abbastanza spesso , però se dovessi proprio scegliere....

giu&cat ha detto...

Grande!! Servizio fotografico fantastico a prova di "dummies" come me!! Siccome il cornetto fresco è una delle cose che mi piace di più, devo assolutamente provare la tua ricetta! Grazie, Cat

dixe ha detto...

Un consiglio , anzi due. Cerca di incorporare bene il burro già dal primo giro stendendo la pasta molto bene e inforna i cornetti lievitati solo quando il forno è a temperatura. Ciao e raccontami tutto.

isabella ha detto...

mi hai quasi convinto a gettarmi a capofitto nella sfoglia (uno dei miei tabù insieme al lievito madre)......

Geillis ha detto...

sembrano fantastici! Certo non sono il massimo del dietetico, ma per una volta...

elisa ha detto...

Ciao Dixe ho provato a fare i croissant ma nn mi hanno lievitato per niente... Quanto li lasci lievitare? Il gusto e' buonissimo quindi non mi do per vinta. Se mi puoi dare qualche indicazione sui tempi di lievitazione... Ti ringrazio. Ciao

elisa ha detto...

Ciao Dixe ho provato a fare i croissant ma nn mi hanno lievitato per niente... Quanto li lasci lievitare? Il gusto e' buonissimo quindi non mi do per vinta. Se mi puoi dare qualche indicazione sui tempi di lievitazione... Ti ringrazio. Ciao